Dopo un breve periodo di pausa torniamo a parlare di Bitcoin, che si trova in una fase di correzione.

Il movimento ribassista della scorsa settimana ha trovato subito supporto sulla media mobile esponenziale a 20 periodi (TF:1W), con una pronta risposta da parte dei compratori che hanno fatto rimbalzare violentemente la quotazione, aprendo la settimana corrente in lieve rialzo.

I compratori stanno spingendo i prezzi verso l’attuale resistenza di breve a 11.100 USD, che coincide con la media mobile a 50 periodi. Un’eventuale chiusura al di sopra di quest’ultima sarà un segno positivo che riporterà i prezzi verso massimi annuali, aumentando le possibilità di superamento verso i 14.000 USD.

Tuttavia, secondo i nostri riferimenti, è più probabile assistere a un comportamento inverso, ovvero: Con un fallimento di rientro nel canale rialzista, e quindi con una rottura a ribasso del supporto a 9.800 USD (EMA 200 – TF:1D), ci sarà una perdita di fiducia da parte dei compratori, che porteranno alle prese di profitto in SL da parte degli investitori long term, ovvero assisteremo a un massiccio sell off della criptovaluta che farà crollare i prezzi fino al supporto critico a 9.300 USD, dove troviamo la trend line di supporto generale, la EMA 50 – TF:1W e la MA 200 – TF:1D.

Un’eventuale rottura di quest’ultimo annienterà la visione rialzista di medio termine, riportando i prezzi sul punto di Pivot a 8.000 USD (Target del canale).

I volumi sono in calo e l’MACD settimanale è in formazione death cross.